Fascismo e antifascismo: per non fare di ogni erba un fascio

Organizzazione e contatti

Coordinatori: Alberto Olivetti, Lorenzo Teodonio e Pasquale Serra

Durata: a partire da marzo 2021

Contatti: crs-info@dol.it

Vogliamo proporre un corso che possa rendere conto di alcuni aspetti politico-culturali di quel passaggio dal fascismo alla Resistenza - quindi alla Costituzione - che ancora oggi sembra essere messo in discussione o comunque letto sotto la lente di nuovi e vecchi revisionismi.

Da una parte, si nega quel passaggio in nome di un “fascismo eterno”, per cui il fenomeno fascista assurge a categoria meta-storica; dall’altra, si confondono vincitori e vinti in nome di categorie etiche (le “vittime innocenti”) fuorvianti e intrinsecamente impolitiche.

Abbiamo individuato quattro tappe da svolgere nell’ultimo venerdì di ciascun mese, in orario serotino, partendo da marzo 2021, con una divisione fra prima e dopo la Seconda Guerra Mondiale. La prima lezione (26 marzo) è a cura di Pasquale Serra e riguarda l’impostazione del problema (destra e fascismo, il terzismo); la seconda (30 aprile) riguarda la cultura fascista e sarà tenuta da Alessandra Tarquini; il 28 maggio, invece, Giuseppe Filippetta discuterà della Costituzione e della Resistenza come processo costituente; l’ultima lezione, 25 giugno, sarà tenuta da Alberto Olivetti e riguarderà le culture dell’antifascismo.

Le lezioni prevederanno una iscrizione e saranno accompagnate da web-seminar. Alla fine, i partecipanti saranno impegnati nella stesura di testi che verranno poi pubblicati in formato elettronico. La sede prevista è la Biblioteca “Moby Dick” di Garbatella.

È in corso di progettazione una quinta lezione relativa alla “Dimensione privata dell’esperienza resistenziale” con due possibili interlocutori (il “padre reticente” di Giovanna Sissa; il “padre eroe” di Andrea Ranieri).

Qui è possibile consultare gli eventi della scuola "Fascismo e antifascismo".